Povera patria

Il titolo richiama l’omonima canzone di Battiato, ritengo una delle più belle canzoni italiane mai scritte, drammaticamente vera, emozionante.

Ogni giorno che passa mi sale la vergogna di essere italiano.

In primis per la situazione inaccettabile della Campania. Siamo oltre il limite del grottesco, siamo già al tragico. Oltre alla palese ruberia che si nasconde (ma si nasconde veramente?) dietro questo disastro sociale e ambientale, si aggiunge anche la totale inefficienza del governo attuale. Mesi fa nei telegiornali imperversavano le notizie sulle tonnellate di immondizia nel napoletano e sulle giuste proteste dei cittadini. Poi gradualmente queste notizie sono state coperte da altre più sensazionali, delitti vari. Poi sparite del tutto quando i TG ci hanno sollazzato con sondaggi su quanti canditi procapite vengono mangiati e se piace più il panettone con le gocce di cioccolato o il pandoro con la cremina di mascarpone.

Poi a me vengono sospetti scemi e banali tipo: ma nelle zone bene di Napoli ci sono montagne di spazzatura? Davanti alle case dei politici ci sono mucchi di pattume? Mi piacerebbe che qualche napoletano smentisse questo mio sospetto, dettato ormai dalla più totale sfiducia.

Cosa pensare quando al telegiornale offrono servizi in cui elencano quantità immani di soldi investiti in questi 14 anni per risolvere il problema, andati tutti in fumo chissà dove, o utilizzati semplicemente per tenere in vita (dolce vita) questo perverso sistema, e poi a fine servizio lo chiamano “fallimento”?

Il fallimento credo sia un’altra cosa, si tenta di ottenere un risultato ma per cause diverse non si riesce. Qui credo sia una questione radicalmente diversa e i media nemmeno vogliono o possono usare dei termini adeguati per definire in maniera corretta quello che succede. Chissà come mai. Comunque c’è da stare tranquilli, verranno accertate le responsabilità e recuperati gli investimenti perduti.

Infine alcune considerazioni generali. Ultimamente sembra che si ricerchi la soluzione ai problemi nella fantomatica moratoria, sotto varie forme. Si decide di far pagare un dazio a chi inquina a Milano e “dopo” si potenziano i mezzi (non oso immaginare l’incrocio di Papiniano con Corso Genova con tutti i 14 in fila nell’ora di punta).
Credo che tutte queste iniziative siano palliativi. Se davvero si volesse risolvere la questione inquinamento allora si dovrebbe ripensare la città a misura di cittadino e non di automobile. Ma questo evidentemente lederebbe troppi interessi.

Sono qui che aspetto di vedere dove e quando faranno le tanto promesse piste ciclabili e quanto tempo ci metteranno le auto ad occuparle senza che nessuno muova un dito.

La seconda moratoria, quella sulla legge 194 per l’aborto, mi lascia basito. Cos’è una moratoria? Un decreto per impedire di applicare la legge? Una multa per chiunque decida di abortire, nonostante sia perfettamente in regola con la legge? Sensibilizzare sul problema dell’aborto è una cosa che si può sempre fare.

Anche la Chiesa si schiera a favore della moratoria.
Ma un cristiano per definizione non dovrebbe consapevolmente scegliere sempre per la vita?