Vademecum del buon cittadino milanese: il PIN

Il cittadino ignaro che si collega al sito del comune di milano si trova di fronte a una molteplicità di servizi utili che semplificherebbero la sua vita, evitando code e fastidi burocratici.

Peccato che per accedere a questi servizi, tra cui tassa dei rifiuti e certificati online, deve oltrepassare a scelta uno di questi tre ostacoli che ricordano le tre prove di Indiana Jones per conquistare il sacro graal.

1. Se si è fortunati possessori della carta regionale dei servizi, è semplicissimo. Basta possedere anche un lettore di carta regionale dei servizi, facilmente acquistabile in tutti i migliori negozi della città. Possedere anche un PIN per la carta. A questo punto possedere un pc e scaricare il software dedicato, disponibile anche per Mac OSX, peccato che il lettore di smart card non è testato per Mac (leggi qui sul sito CRS lombardia). In effetti un’agevolazione tremenda, questa della smart card. Essendo però per me un po’ ostico il mondo delle smart card, passo alla seconda opportunità.

2. Avere sottomano il proprio codice contribuente. Nel caso, ignorantoni, non sapeste di cosa si parla, il sito ve lo spiega subito: codice riportato sul retro dell’Avviso di Pagamento o sulla Cartella Esattoriale, giá in tuo possesso. A parte il “giá” con accento errato, il grassetto è un link che apre una pagina con immagini circolettate del famoso codice, sul famoso Avviso di Pagamento (pagamento di che non ci è dato sapere) o sulla cartella esattoriale che immagino voi consultiate quotidianamente. Io che perdo tutto mi ritrovo dunque a deviare elegantemente sul terzo e ultimo punto.

3. Richiedere il codice PIN. Per uno che usa tutti i giorni internet, dover richiedere in un ufficio un PIN per accedere a un sito suona un po’ strano. Comunque. Con pazienza mi reco oggi all’ufficio del Comune Centrale (eh, sì, il concetto di sedi decentralizzate non si applica a internet. Il PIN, se lo volete, ve lo danno solo in via Larga). Ore 13.40. Sportello ventisette, l’unico aperto. Numerino staccato: 94. Utente servito 85. Attendo con pazienza da graticola, osservando la signora che  lavora con flemma invidiabile. Ore 14.30, arriva il mio turno. Mi siedo e chiedo il benedetto PIN. Mi spiace dice lei. Qui il computer non va, stanno facendo dei lavori ai software(????). E’ tutta mattina che non funziona.

Signora… mettere un cartello? E lei alza le spalle, lei non c’entra niente, lei è solo una ruota dell’ingranaggio, è un mondo di merda, la burocrazia italiana, le fa male l’alluce valgo. Mi alzo e me ne vado. Se possibile anche da Milano.

Annunci

Un commento su “Vademecum del buon cittadino milanese: il PIN

  1. Fakulteliler.net ha detto:

    I have read some just right stuff here. Definitely value bookmarking for revisiting.
    I surprise how a lot effort you put to make this kind of great informative web site.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...